Diario ruvido - Cellulari 2

Sto lavorando in biblioteca a Sassuolo, mi suona il cellulare. 
"Pronto". 
"Pronto, salve volevo sapere se avete un libro". 
Controllo meglio cosa ho in mano. Sì, è il cellulare. Il cellulare cazzo, non il cordless della biblitoeca, il cellulare! 
"Un libro? Ma in quale biblioteca?" 
"Come in quale biblioteca?" 
"Non so, Sassuolo, Nonantola, lavoro in diverse biblioteche: questo è il mio cellulare!" 
Silenzio... 
"Scusi, ma come ha avuto il mio numero?" 
"Dal suo blog". 
"Dal...?! Be', quindi che libro vuole?" 
E mi dice il titolo, Padre nonsochecosa Missionario a nonsodove. 
"No, mi spiace, non trattiamo questo genere di libri". 
E mi chiedo ancora se voleva venirlo a prendere a casa mia o in non so quale biblioteca del mondo.

Nessun commento: