Diario ruvido - Biblio-natività

Suona il telefono.
“Biblioteca”. Rispondo sempre così, meccanico.
“Nicolò?”. E' la direttrice, timbro nasale, asettico, nel senso di niente setto nasale, credo tiri di coca.
[...sto in silenzio...]
“Senti Nicolò, ieri mi è arrivato un libro per Gesù Cristo, ne sai niente?”
[...sto in silenzio...]
“ Ascolta Nicolò, non ti azzardare mai più a fare una furbata del genere”.
Furbata è una delle peggiori parole che le siano mai scappate di bocca.
Durante uno dei miei pomeriggi di noia avevo creato un utente dal nulla. Così, per passarmi il tempo.
Nome: Gesù Cristo.
Anni: 33.
Nato a: Betlemme.
Professione: libero professionista.
Non contento gli avevo subito prenotato un libro sulle problematiche padre-figlio. Il libro è rientrato quando era in turno la direttrice.
Vado a controllare e Gesù Cristo non c'è più. L'ha eliminato lei. Brutta cospiratrice del sinedrio! Mi viene in mente che potrei ricrearlo tra tre giorni, resuscitarlo. Un bibliotecario ha un cerchio d'azione ristretto, ma lì dentro sono possibili alcuni miracoli.
Alla fine decido che al mio lavoro ci tengo ed elimino l'abominevole uomo delle nevi e relativa prenotazione di un libro di Messner. Scusa Yeti, non è posto per te.

Nessun commento: